• Perché un sito web attuale e indicizzato?

    Dal 2015 metà della popolazione mondiale è collegata alla rete tramite dispositivi mobili. È fondamentale avere un sito progettato in modo che risulti ottimamente fruibile tramite smartphone e tablet.
    Un sito attuale deve presentare contenuti facilmente e correttamente condivisibili sui vari social media, come Instagram, Facebook, Twitter.
    E non dimentichiamo che avere un sito che nessuno trova non serve quasi a niente, quindi è basilare che abbia un'architettura che gli permetta di essere ben visibile sui motori di ricerca, come Google, Yahoo, Bing; così com'è vitale promuoverlo tramite annunci pubblicitari pertinenti alla ricerca.

  • Perché promuoversi con il Social media marketing?

    Il Web 2.0 ha cambiato le relazioni tra azienda e consumatore e tramite internet gli utenti si trasformano in veri e propri operatori di marketing, scambiandosi informazioni su brand e prodotti.
    Piattaforme come ad Facebook, Instagram, Twitter, YouTube... si rivelano utili complementi a siti web e direct marketing, come le newsletter, volte a sviluppare il proprio business, indirizzandolo verso un target sempre più preciso e qualitativo. Gli utenti saranno quindi più qualificati, e le probabilità di vendita e B2B innalzate.
    Svolgere attività di social media marketing significa utilizzare i social network per comunicare con i consumatori, instaurando di rapporti continuativi dove il trasferimento di informazioni è bidirezionale.

  • Perché un video?

    È statisticamente provato che l'utente che si imbatte in un messaggio memorizza molto più facilmente un video, piuttosto che un'immagine o un testo, che si classifica all'ultimo posto fra i tre.
    Un video, grazie a movimento e suoni, può coinvolgere ed emozionare maggiormente lo spettatore, il quale desidererà condividere questa esperienza con amici e conoscenti, postandolo su un social network o inviando il link via email.
    Grazie a un video è possibile illustrare un servizio in poco tempo e senza "affaticare" il cliente con la lettura, così come spiegare il funzionamento o i vantaggi di un prodotto, oppure lanciare una novità, un'idea, una promozione!

  • Perché un Virtual Tour?

    I tour virtuali aumentano la visibilità e il prestigio di una struttura, offrendo all'utente del sito la possibilità di vivere un'esperienza coinvolgente e di forte impatto direttamente dal sito internet. Questa tecnologia permette di suscitare l'interesse e la fiducia del visitatore, che sarà incentivato a voler visitare realmente gli ambienti conosciuti virtualmente!
    I Tour virtuali 360° sono la carta vincente per accedere ad una nuova, efficace, forma di comunicazione, indicata per alberghi, musei, villaggi turistici, ristoranti, show room, visualizzazioni architettoniche, agenzie immobiliari e produzioni multimediali.
    L'utente può scegliere le stanze da vedere, come vederle e utilizzare lo zoom collegato ad una planimetria interattiva.
    Il Virtual Tour Presenta la location in modo immediato, chiaro e completo.

Menu
Mappa del sito

NEWS

Perché tutti i brand lifestyle di internet sembrano uguali?

Perché tutti i brand lifestyle di internet sembrano uguali?

All’inizio, arrivarono ai podcast - i brand lifestyle diretti al consumatore che cercavano di vendere scarpe, rasoi o spazzolini da denti.
Poi sono venuti su Facebook e Twitter, prima di arrivare a Instagram.
E poi tutto in una volta, erano ovunque guardavamo; non potevamo sfuggire all'apprendimento di prodotti che ci avrebbero reso una persona più sana e confortevole.
Probabilmente li hai visti anche tu: annunci che operano tutti sotto un simile modello di business: eludere i tradizionali negozi al dettaglio per vendere i loro prodotti direttamente a voi. E questo sta attirando l'attenzione dei venture capitalist in tutto il mondo.
Dopotutto, quando tagli l'intermediario, c'è più denaro da raccogliere sia per l'azienda che per il consumatore. Ma c'è qualcosa di stranamente simile a molti dei famosi marchi di lifestyle di Internet: tutti progettano le loro pubblicità allo stesso modo.
In un mondo di feed sovra-saturi, le startup stanno diventando controcultura strappando via distrazioni, endorser e grafica appariscente. Invece, i loro annunci sono suddivisi in due parti: il prodotto e uno sfondo semplice.
Le nuove aziende che si affidano a vecchie industrie non si limitano a dare i loro frutti; stanno abbandonando vecchie tattiche di marketing e design per la semplicità. E sembra che funzioni.

Ma perché?

Costruito per 'Gram

Dato che l'attenzione di Instagram all-image-everything è molto diversa dalla mentalità testuale di altri social network come Twitter e Facebook, è diventato il punto di riferimento per mettersi in mostra.
Scarpe nuove? Instagram. Con i tuoi amici? Dritto su Instagram. Stai cercando di promuovere un festival inesistente che alla fine attirerà centinaia di persone su un'isola con un solo ingresso e uscita? Sicuramente Instagram.
La piattaforma è il sogno di un inserzionista; le pubblicità sono quasi visivamente indistinguibili dalle foto pubblicate dai tuoi amici, le didascalie sono meno importanti e le foto possono essere taggate con marchi, il tutto potenzialmente senza che i consumatori siano consapevoli che quello che stanno guardando è un annuncio.
E su altri social network, la storia sta diventando sempre più la stessa.
Per quanto riguarda la scrittura, sembra più nefasto di quanto sia probabile, ma parla di alcuni dei motivi per cui le startup stanno implementando disegni semplici nei propri annunci: gli annunci sembrano più influencer mentre gli influencer sembrano più annunci.
Prendiamo, per esempio, la strategia di marketing design per Allbirds. Di seguito è riportato un confronto tra i post di Allbirds e Nike Run Club di Instagram.

Perché tutti i brand lifestyle di internet sembrano uguali?

Piuttosto diverso, giusto? La Nike è decisamente più vivace ed è più astratta e artistica di Allbird. Tuttavia, il post degli Allbird non è particolarmente sottile: probabilmente non sarai ingannato nel pensare che il tuo amico abbia scattato quella foto. Ma proviamo qualcosa di diverso: qui sotto ci sono due scatti su Allbirds. Uno è della compagnia; l'altro è di un influencer.

Perché tutti i brand lifestyle di internet sembrano uguali?

All'improvviso, la linea tra contenuto a pagamento e contenuto organico diventa confusa. La composizione della foto di Allbirds - un uomo che indossa le scarpe che accarezza un cane - sembra abbastanza normale da passare come una foto da qualcuno che hai già seguito. Se è apparso nella tua cronologia come un annuncio, potresti non notarlo affatto.
Attraverso ricerche online e conversazioni con esperti del settore, ho appreso che piccole start-up, grandi aziende e agenzie di PR stanno perseguendo questa specifica tendenza di design per i loro marchi.
Ciò non significa solo che più marchi stanno diventando più consapevoli nel loro desiderio di raggiungere i clienti, ma consente anche ai player più piccoli di dare un pugno sopra la loro classe di peso. Mentre le pubblicità complesse e innovative attraverso mezzi come la TV erano spesso riservate alle aziende più influenti, i team più piccoli possono creare contenuti in linea con l'industria; e in molti casi, alcuni designer di talento possono influenzare il successo di un’azienda.
Forse l'aspetto più affascinante del mio esercizio di imparare di più sulle operazioni interne di queste start-up è che dipinge un'immagine incoraggiante per i progettisti in piccoli gruppi. Piuttosto che essere intrinsecamente svantaggiati a causa delle dimensioni del team, identificare e agire sulle attuali tendenze del design può ottenere un incredibile successo.

C'è più di quanto sembri

Jacob Chang, Director of Insights di JÜV Consulting, dice che c'è qualcosa di più profondo che sta succedendo qui. La semplicità è molto intenzionale, ma non perché le aziende stiano cercando di essere subdole. Piuttosto, i marchi diretti al consumatore stanno cercando di essere meno ingannevoli e più genuini con la loro pubblicità per fare appello alle generazioni più giovani.

«La considerazione più importante che i valori di Gen Z, soprattutto nei marchi, è una narrativa avvincente che è al contempo autentica e adeguata alla loro immagine complessiva.», ha detto Chang. «Mentre ci sono una miriade di storie che sono condivise costantemente dalle aziende, è questo il fattore di autenticità che cattura la nostra attenzione, ci porta a parlarne e alla fine aumenta la percezione del marchio.»

Mentre pubblicità complesse e rivoluzionarie attraverso mezzi come la TV erano spesso riservate alle aziende più influenti, ora i team più piccoli possono creare contenuti in linea con l'industria; e in molti casi, alcuni designer di talento possono influenzare il successo di un'azienda.»

Una delle sue parole più usate da Chang è "efficienza", un vantaggio che ha attribuito a come le startup possono commercializzare il loro prodotto. Dal momento che la maggior parte delle piccole imprese ha una solida idea dei desideri e delle esigenze dei loro clienti, possono utilizzare determinati termini e design per essere efficienti nel presentare la propria pubblicità.
Anche il formato di base degli annunci aiuta l'efficienza: contenuti rapidamente riproducibili che possono essere condivisi su piattaforme diverse.
Dianna Cohen, fondatrice dell'agenzia di marketing Levitate, condivide la stessa mentalità. Sebbene questi tipi di annunci catturino l'attenzione sui social media e offrano un vantaggio in termini di costi, tutto ruota attorno a come i consumatori moderni vedono il marchio.
«Il consumatore ha più potere che mai, ha detto Cohen. E con questo potere, i consumatori decidono quali aziende vogliono supportare in base ai loro valori.
Questo stile di presentazione presenta anche un senso di comfort per gli spettatori che alla fine possono avere fiducia in un marchio. I marchi di lifestyle su Internet sono decisamente proattivi, non solo con la pubblicazione, ma anche con il servizio clienti. I post ridimensionati umanizzano un'azienda, rendendoli più accessibili.

Alla fine, mentre il processo pubblicitario si appiattisce e la tecnologia diventa più accessibile, l'unica cosa che separa queste aziende è il loro aspetto esteriore.»

Nel tempo, questo stile unificato di annunci semplici abbinati a un buon servizio clienti crea una community fedele al prodotto. Crea anche distrazioni minime in un mondo in cui gli utenti possono ora acquistare gli articoli che vedono nel loro feed direttamente nell’app.
Cohen ha detto che questo è un risultato frequente di come questi marchi interagiscono con i social media; con la giusta presentazione, sia nella pubblicità che nelle pubbliche relazioni, i consumatori possono affezionarsi a un marchio in modi intimi. All'improvviso, dice Cohen, trovi un “Allbird guy" o una “Flamingo girl".
Riunisci tutto questo - il targeting delle nuove generazioni, il minimalismo deciso, la costruzione di una comunità - e hai un piano di riconoscimento del marchio pieno di alfabetizzazione vocale e visiva. Alla fine, mentre il processo pubblicitario si appiattisce e la tecnologia diventa più accessibile, l'unica cosa che separa queste aziende è il loro aspetto esteriore.

Il futuro

Tutte le cose devono finire, e sia Chang che Cohen hanno detto che l'attuale metodo di pubblicità non sarà in circolazione per sempre. Cohen ha detto che c'è già una notevole stanchezza nel tipo di pubblicità ridotte che vediamo oggi, specialmente nelle città chiave. Ha anche detto che i marchi, ora più che mai, stanno prendendo le proprie decisioni su dove vogliono andare e su come vogliono raggiungere nuovi clienti.
Ma c'era anche un sentimento comune tra i due: le pubblicità diventeranno più personali. Se questo sembra spaventoso, è perché siamo già stati colpiti dal lato negativo delle cose: annunci per oggetti che hai cercato o, in strane coincidenze, prodotti di cui hai appena parlato.
Un futuro dove sei consapevole che sanno tutto su di te, suona come un futuro a cui non vuoi partecipare.

I marchi di lifestyle di Internet sono decisamente proattivi, non solo con la pubblicazione, ma anche con il servizio clienti. I post ridimensionati umanizzano un'azienda, rendendoli più accessibili.»

Fortunatamente, i marchi stanno iniziando a capirlo. Invece di utilizzare annunci personali e mirati per indicare ciò che dovresti acquistare, le aziende utilizzeranno i dati demografici per rendere gli annunci e le esperienze più pertinenti ai tuoi valori.
Per secoli, il metodo migliore per vendere roba era spingere i prodotti ovunque possibile, che si tratti di cartelloni pubblicitari, giornali, riviste, radio, televisione o social media. Con i consumatori più esperti arrivano nuovi modi per connettersi e ridimensionare la mentalità spietata di "vendere, vendere, vendere", a favore di modi per interagire autenticamente con i potenziali acquirenti, che in futuro si rivelerà proficuo.
Oggigiorno, tuttavia, il design e la pubblicità sono di tendenza ovunque sono presenti le generazioni più giovani. Millennials e Gen Z stanno identificando a voce alta la loro preferenza per decisioni socialmente consapevoli, e spetta alle marche adattarsi di conseguenza.

INVIACI UN COMMENTO O UNA RICHIESTA

(*) Campi obbligatori

Scrivi qui il tuo commento o esponici la tua richiesta.

L'invio di questo modulo implica l'accettazione dei Termini di utilizzo e dell'Informativa sulla privacy.
Message

La tua richiesta è stata inviata. Il commento sarà pubblicato in seguito alla verifica di pertinenza con il contenuto dell'articolo.